Lo so che la politica in quanto arte del governo implica anche la dissimulazione, il dico e non dico. Giuseppe Conte ha saputo esercitarla con abilità davvero rara in un esordiente, quand’è passato all’improvviso da professore-avvocato a presidente del Consiglio. Un cambiamento di vita più unico che raro, dall’anonimato del lavoro autonomo al vertice delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I perché della sinistra, il beagle chiamato Chet e le strategie a letto

prev
Articolo Successivo

La legge elettorale? Un campo minato: si torni al Mattarellum

next