Sapere che stiamo indebitando fino al collo le generazioni dei nostri figli e nipoti (anche) per coprire d’oro i Signori delle Grandi Mostre italiane suscita pensieri che sarebbe meglio non avere. È un mondo opaco, basato sull’intreccio tra sottobosco politico, giornali, imprenditori, avventurieri, riciclati di ogni tipo: un mondo abituato a vivere alle spalle del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Con la cultura non si mangia (e zero pensione)

prev
Articolo Successivo

Beppe e il figlio “È bene separare la vicenda umana dal MoVimento”

next