Dovevano essere quasi le due: la sveglia sul camino di marmo nero era ferma. Marie Dudon aveva avuto il tempo di lavare i piatti. “Esci subito?”. “Perché?”. “Vorrei che badassi al bambino per cinque minuti, intanto che scendo a prendere l’acqua per il bucato…”. Tre, quattro, cinque righe e immediatamente si è lì, al centro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

In crociera col whisky e Lola. Un’altra novella di Georges

prev
Articolo Successivo

Poveri comunisti a Livorno: piove dentro il teatro

next