La voce di Edith è un filo lieve e implacabile che attraversa un tempo, un’epoca, una vita, milioni di vite, la Storia. Ma tutto avviene in una intimità di piccole gioie che portano ancora un bel sorriso giovane, e di là da uno spazio che tiene a bada il dolore, perché resti memoria ma non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Italia-Afghanistan. Cosa c’è da salvare

prev
Articolo Successivo

I “Bauli in piazza” tornano a fare “Rumore” nel silenzio

next