“Stai in ginocchio, culona: mi fracassi i coglioni”. Questo non è un euroleak di turbolente conversazioni diplomatiche del 2011, ma la didascalia di una scena erotica (una focosa penetrazione a tergo) rappresentata su un vaso di Gaio Valerio Verdullo, ceramista attivo nel Nord-Est della Spagna alla fine del I secolo d. C. Chi abbia letto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I sette pilastri del Conte 5 Stelle

prev
Articolo Successivo

Addio a Hans Küng, il teologo eretico che non credeva nel Papa “infallibile”

next