Il neonazismo; un killer che odia le donne; un’eroina antifa (antifascista) che in passato è finita in prigione per aver hackerato la polizia. E ancora: un mistero da risolvere nell’arco di un libro e un altro che invece si distende per una trilogia, in questo caso dell’odio. Insomma l’adesione agli stilemi larssoniani (ovviamente Stieg buonanima) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

A Clooney e Roberts un biglietto per il paradiso

prev
Articolo Successivo

“Il simpatizzante” odia tutto. Pure il foie gras

next