“La mia dicotomia è fra la mia vita di scialacquatore, dilapidatore, tentato amatore, qualche volta amatore e il desiderio culturale di uscire dai generi, per cui io sono ogni tanto un evaso riacciuffato dal genere”. Quanto ci manca, Lucio Fulci. Se n’è andato venticinque anni fa, il 13 marzo 1996, da originale, senza copie possibili: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Irama, Annalisa o Meta: la vittoria a Sanremo n. 71 è appesa ai “teen”

prev
Articolo Successivo

C’è un sottomarino marcio in Danimarca

next