Per attitudine e non per sortilegio Mario Draghi si è fatto invisibile. Nelle fiabe l’invisibilità si ottiene per magia. Un cappello. Una pozione. Un abracadabra. In politica è più semplice. La si ottiene col potere. E serve ad accrescerlo. Nei tempi remoti era invisibile il sovrano, salvo alla corte addetta ai suoi ordini e ai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Congresso, Zingaretti rottami i renziani del Pd

prev
Articolo Successivo

Ibra versus LeBron: una partita politica, “io” contro “noi”

next