Un’insidia proveniente da dove meno te lo aspetti (il Ministero della Cultura) incombe sui sotterranei del Colosseo, o meglio sulla loro fruizione. E dire che è il più grande backstage (o forse meglio understage) che il mondo romano ci abbia tramandato: depositi di macchine e attrezzature, ripostigli per elementi scenici, ambienti in cui uomini e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Le follie ai tempi del derby, i parrucchini di Berlusconi e gli scherzi a De Crescenzo”

prev
Articolo Successivo

“La gente la conquisto con la mia fame”. Il Tre guarda a Eminem, ma ringrazia i genitori

next