Come sa chi ne segue le gesta, se c’è un binomio più catastrofico di quello Renzi-sport (nel quale pure il leader si applica con pervicacia invidiabile pensando di rifulgere) questo è il binomio Renzi-cultura. Così tra i 62 punti spiritosamente rinominati Ciao sbattuti in faccia al ministro dell’Economia (in sostanza, una lista della spesa ruotante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Agnese’s Baby”: nel cast Matteo, la signora Italia e la forfora di Verdini

prev
Articolo Successivo

Trattativa Stato-mafia: solo il buon giornalismo ne parla

next