In meno di due anni l’inchiesta nata dal crollo del Ponte Morandi ha ricostruito quello che per gli inquirenti era un vero e proprio sistema di gestione di tutta la rete infrastrutturale. Lo schema è sempre lo stesso, che si parli di viadotti, gallerie o barriere antirumore: rapporti sulla sicurezza falsificati, manutenzione rinviata, con l’obiettivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La guerra dentro Transparency: soldi e incarichi, si dimettono vertici

prev
Articolo Successivo

“Aspi, tentata truffa allo Stato da 18 milioni”

next