La goccia di nera tintura che solca la guancia di Rudolph Giuliani è il trionfo della letteratura sulla politica. Viene dritta dalla spiaggia di “Morte a Venezia” – Thomas Mann, 1912 – dove l’imminenza della fine del protagonista si frantuma dentro la luce abbagliante della giovinezza. È l’anziano Aschenbach, accasciato sulla sedia a sdraio del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

L’eurocasta esulta: torna a incassare la diaria da 323

prev
Articolo Successivo

Anm, dopo il caso Palamara è psicodramma. Salta ancora l’elezione di giunta e presidente

next