È stato preside di Medicina, poi rettore della Sapienza di Roma. Eugenio Gaudio, oggi 64enne, anatomo patologo e neo commissario della Sanità calabrese, era stato a lungo il vice del discusso Luigi Frati, da cui aveva ereditato l’ateneo più grande d’Europa, dove i medici si passano il testimone. Dal 20 aprile era consigliere del ministro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Un commissario nei guai e Strada ai Covid hospital

prev
Articolo Successivo

Virus e governo, arrivano i mistici della “visione”

next