Benito Mussolini era ebreo? Ricorrendo al titolo di un romanzo di Gabriele D’Annunzio, bisognerebbe dire: forse che sì, forse che no. Certo è che nell’autunno del 1941, quando Bompiani pubblicò il saggio Agenti segreti veneziani di Giovanni Comisso (Treviso, 1895-1969), il riferimento nel libro a un certo “Moisé Mussolin, ebreo” – un mestatore che attorno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La “Now age” di prof e negazionisti

prev
Articolo Successivo

“Mank”, Fincher svela Hollywood e “Quarto potere”

next