“Per una volta tutti, addetti ai lavori e non, hanno visto una mia collezione insieme, nello stesso momento, senza gerarchie o privilegi. Se democrazia deve essere, che sia vera”. Giorgio Armani il rivoluzionario. Non era mai successo prima nella storia della moda che uno stilista presentasse la sua collezione in televisione. Lo scorso febbraio era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Quel “bravo figlio”e la terra del male

prev
Articolo Successivo

Buon compleanno Renato, rinato da Zero a 70 anni

next