In vista dei Giochi di Londra del 2012 il Comitato Olimpico britannico contattò Bill Curbishley, manager degli Who. I papaveri dello sport avevano pensato di coinvolgere Keith Moon per una memorabile cerimonia d’apertura. C’era un problema: non conoscevano l’indirizzo del batterista. “So dov’è”, rispose Bill. “Ma procuratevi un piattino e un tavolino rotondo. Alloggia al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il Tour e noi dannati delle parabole

prev
Articolo Successivo

Gruppo di famiglia in un interno di aspiranti suicidi

next