Essere il migliore non basta, bisogna anche provarsi. Charlie Kaufman, che è un genio, non s’accontenta, e cambia le carte in tavola: dobbiamo provarci noi migliori, per seguirlo. Succede con Sto pensando di finirla qui (I’m Thinking of Ending Things), la sua terza regia dopo Synecdoche, New York (2008) e Anomalisa (Leone d’argento – Gran […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

My Generation da 55 anni. E Keith Moon è il suo profeta

prev
Articolo Successivo

Shakespeare fatto a pezzetti

next