Tristi ripieghi per colmare la mancanza di un partner, sostituti freddi e meccanici di parti genitali o strumenti per saziare un appetito sessuale deviato: nonostante la rivoluzione sessuale e il porno su internet, i sex toys sono ancora lungi dall’essere visti come inoffensivi accessori per esplorare la sessualità in modo naturale e creativo; e ancora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Eco della mia lettera. E sono diventato giornalista

prev
Articolo Successivo

Lettera da Ankara: la scure di Erdogan contro i social media, i laici e le donne

next