L'inchiesta

Mega discarica di Bussi: anni di rimpalli, milioni e bonifiche ancora ferme

Carte bollate, ricorsi al Tar: sono anni che i cittadini della provincia di Pescara attendono  la messa in sicurezza di una delle discariche più grandi d'Europa. Già nel 1972 l'assessore del Comune scoprì l'esistenza di sostanze tossiche e da allora la situazione non è stata risolta. Il ministro Costa: "Ora Edison non potrà fare i lavori a risparmio"

Di Maria Cristina Fraddosio
16 Luglio 2020

Quando a gennaio 2019 il ministro dell’Ambiente Sergio Costa si recò in visita a Bussi sul Tirino, in Abruzzo, rincuorò i 700 mila abitanti della Val Pescara, che avevano bevuto per anni fino al 2007 l’acqua attinta dai pozzi avvelenati dal polo chimico, dicendogli che i 47 milioni di euro stanziati dal Parlamento nel 2011 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.