Una tesi sulla “polvere zodiacale” nel cosmo. Il giovane studente Brian May ci stava lavorando già nel 1968. Prese il dottorato 39 anni più tardi, quando la sua zucca ormai grigia lo consacrava come un credibile astrofisico, collaboratore pure della Nasa. Peccato che Brian fosse più bravo con la chitarra: lo sapevano tutti all’Imperial College, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Singer contro Singer. Israel e Isaac: fratelli coltelli

prev
Articolo Successivo

Veneziani: “Racconto l’arte sui social, ma niente emoticon. E TikTok è ridicolo”

next