Ho sempre ammirato (al punto da imitare piuttosto bene le sue canzoni affidate al fischio, nelle indimenticabili colonne sonore dei film di Leone), ma mai veramente conosciuto Ennio Morricone. Di lui sapevo tutto solo quando in sala si spegnevano le luci e la dotazione sonora del nostro cinema cominciava a diffondere la musica che nessuno, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ex trombettista nei night compose per Mina e Ppp Sul Boss, suo fan, disse: “Bravo ‘Springfield’!”

prev
Articolo Successivo

Il libro: “L’orso non è invitato. Così l’uomo uccide la biodiversità”

next