All’inizio di “verde” in Francia c’era Grenoble, 100 mila abitanti e un sindaco, Éric Piolle, eletto nel 2014 e rieletto domenica a pieni voti (53%), a fare la guerra ai cartelloni pubblicitari e a creare delle “autostrade” per le bici. Ora ci sono pure Poitiers, Strasburgo, Besançon, Tours e finanche Bordeaux e Lione. L’onda verde […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Giravolta “Espresso”: con la Casta contro la riduzione dei seggi

prev
Articolo Successivo

Quel dilemma di Philippe: resta premier o lascia Manu?

next