Tre smeraldi, quattro rubini, uno zaffiro, venticinque perle, per un totale di 157.927 franchi d’oro: sono gli acquisti che Therese Lachmann, ex marchesa de la Païva, partita ragazzina dal ghetto di Mosca e diventata la più costosa delle cortigiane del Secondo Impero, fa presso la boutique Boucheron a Parigi in un solo giorno, il 27 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

È pura poesia, Bellezza. Dario, una penna del 900

prev
Articolo Successivo

Con Daniela Mazzucato e Marco Scolastra, “La voce umana” ritrova le giuste note

next