I magistrati di Genova che indagano sui famosi 49 milioni della Lega, possono aspettare. Anzi di più: devono addirittura difendersi. Da circa tre mesi hanno chiesto alla Camera l’autorizzazione a perquisire l’azienda di grafica del deputato del Carroccio Fabio Massimo Boniardi che si sospetta possa aver svolto un ruolo nel presunto riciclaggio di parte del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

100mila euro alla Lega da un conto in rosso

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next