Altro che Coronabond, Joycebond dovrebbero chiamarli, dal nome dello scrittore che ha chiesto più prestiti nella storia tra Dublino, Parigi e Trieste inaugurando l’idea del debito collettivo europeo. A volte li restituiva la mattina e nel pomeriggio tornava a riprendersi quel che aveva restituito. Il suo eroismo è stato tirare dritto sulla strada dell’arte accettando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sardegna infelix? Scelgo la Corsica

prev
Articolo Successivo

Alla fine tutti i talk sono davvero un Talk Unico

next