Bici, campi da calcio, navi, teatri, felini addomesticati, cigni ma anche sacchi neri, telefoni spenti, scenari di guerra, ascensori alla deriva, boati e fughe improvvise. Sono questi alcuni dei simboli emersi nei sogni durante i primi giorni della pandemia. A farne una rassegna, interpretandoli alla luce del contesto socio-emotivo attuale, è stata Alessia Marconcini, una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Polvere, fatica e Pasta party: “l’Eroica” voglia di pedalare

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next