Il primo contratto, sessantasei anni fa. A Hollywood ci sono vite che durano assai meno, figurarsi le carriere. Lo firma nell’aprile del 1954 con Universal-International: 75 dollari a settimana. Che scegliesse il grande, anziché il più facile e remunerativo piccolo schermo dell’epoca, avrebbe detto qualcosa. Fantascienza con le “creature”, western e altri B-movie, ne La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Gramellini, il finto ingenuo anti-Raggi

prev
Articolo Successivo

Promozioni, penalty e sfide: addio a un signore del calcio

next