È stato il Clark Kent del calcio italiano. Educato, mansueto, riflessivo, il mondo in cui si è ritrovato a vivere, quello cinico e senza regole del pallone in cui per una vita è stato sballottato come in una gigantesca centrifuga, lo ha costretto a continue e a volte impossibili sfide: che lui ha accettato e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Tanti auguri Clint. 90 anni di vita, 66 di arte

prev
Articolo Successivo

“Dillinger è morto”, solo Piccoli poteva affrontare un film così

next