C’è la vignetta di Matteo Salvini che dialoga con il Coronavirus: “Prima gli italiani”. “Okey, me lo segno”, risponde il parassita che sta provocando morti e contagi nel mondo. Ma ci sono anche le vignette contro i media, in cui c’è un “focolaio d’imbecilli e nessuno che cerca la cura”, o contro la retorica del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quel che resta del porno: l’amore si fa solo in Rete

prev
Articolo Successivo

A ciascuno il suo Draghi: il testo sacro e i suoi esegeti

next