È pandemia. Troppo a lungo negata per mere questioni economiche, ma alla fine detonata in tutta la sua potenza, investendo con forza anche l’auto. La prima testa a cadere è stata quella del Salone di Ginevra, di cui in queste pagine raccontiamo le novità virtuali. Ovvero quelle che dagli stand del Palaexpo sono passate sul […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Coronavirus, l’esodo pericoloso (e occulto) dal continente alla Sardegna

prev
Articolo Successivo

La fuga dal diesel: il ponte dell’ibrido

next