L a mano sinistra accarezza la tazzina del caffè, la destra giocherella con una sigaretta, tra le labbra arriva un sorriso: “Dopo quello che è successo non ho più paura di morire, so che le cose si possono risolvere: l’importante è cercare aiuto, e riuscire a farselo dare”. Alberto Airola, torinese, 49 anni, è un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lega Serie A, l’elezione del presidente è fuorilegge

prev
Articolo Successivo

Il precario risiko siriano. Dalla Nato agli Emirati: alleati e rivali di Ankara

next