“Tecnici, lavoratori! Oggi 18 dicembre dell’anno XVII dell’era fascista nasce con questo semplice rito inaugurale il più giovane comune del Regno d’Italia: Carbonia”. A parlare alla piazza gremita di bocche affamate ed esultanti, per il neonato comune e l’auspicato benessere che le miniere tutt’attorno avrebbero prodotto, era Benito Mussolini, che quel giorno del 1938 sbarcò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Non solo la Grande Mela: le mega aziende Usa voltano le spalle a Trump (e al Gop)

prev
Articolo Successivo

Anno nuovo, abitudini vecchie: sono già 13 gli indagati per corruzione

next