Sembrava essersene definitivamente liberato. Una quotidianità scandita dall’assunzione di smodate quantità di gocce di lormetazepam, il principio attivo del Minias, un ipnotico. Quasi un rituale ossessivo. Invece G. non ha retto e si è ucciso. Per impiccarsi ha atteso che la moglie uscisse a fare la spesa. Erano passati solo pochi mesi da quando era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Dirigente dell’ambulatorio Juve è amico del boss di ’ndrangheta”

prev
Articolo Successivo

Civiltà? Luce e gas non sono beni di prima necessità, almeno per lo Stato

next