Il primo fu John Grant, commerciante di Londra. Nel 1662, pubblicò un libretto sulle cause di morte nella sua città: i dati erano organizzati in tabelle che riportavano i tassi di mortalità per causa, a beneficio di medici, commercianti e governanti. Quattrocento anni dopo, i metodi per classificare il fenomeno suicidario sono divenuti sempre più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sisma e camorra, appalti a moglie e amici: è l’Italia del qui se magna

prev
Articolo Successivo

Gli aumenti agli statali per ricucire coi sindacati

next