Il tono e lo stile sono esattamente alla Renzo Arbore, con la sua leggera “erre” arrotata, la voce squillante, allegra, di chi ha basato parte dell’esistenza su un concetto caro anche a Luciano Salce, quando sosteneva che “l’ironia è una cosa seria”; la sostanza, all’inizio, è meno leggera e più figlia di una quotidianità parlamentare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tusk: “Se il governo Bolsonaro consente la distruzione salta accordo Ue-Mercosur”

prev
Articolo Successivo

Carlo, attore malinconico e “incapace di vincere”

next