Fotografie in bianco e nero. Fascicoli sbiaditi scritti a macchina e a mano negli anni ‘60 in cui si parla di fessurazioni, di deformazioni, di sprofondamenti. E poi collaudi da effettuare utilizzando mezzi più leggeri di quelli previsti. È tutto scritto nel fascicolo sul ponte Morandi conservato negli archivi della società costruttrice Condotte. Una montagna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Open Arms, lite Viminale-Richard Gere. Oltre 300 in mare aspettano Roma e Ue

prev
Articolo Successivo

La guerra dell’uomo bianco è cominciata

next