Aggettivi ed emozioni. Aggettivi, ricordi, lacrime e certezze: “Mattia Torre non era solo una brava persona e un genio della scrittura. Mattia era proprio un figo”. Massimiliano Bruno, attore, regista e sceneggiatore, ci ha lavorato a lungo e ha conosciuto Torre ancora prima, “quando da sconosciuti calcavamo un palco di Roma, ognuno con la propria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Luciano, la superstizione e quella cotoletta di cartone”

prev
Articolo Successivo

“Mi mancherà”: Clinton celebra Camilleri

next