“Il suono è parte integrante della vita di tutti. Nessuno è musicalmente analfabeta: il mondo è una vibrazione, lo sapevano gli antichi, lo hanno riscoperto i fisici. Semplicemente ognuno di noi percorre una strada diversa e in alcuni di questi percorsi la musica è meno presente”. Questa visione della musica sembra spiegare l’attitudine del compositore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sinisa e la partita della vita: “Ho la leucemia, vincerò”

prev
Articolo Successivo

L’ospite misterioso

next