L’“italiano 2” della conversazione all’hotel Metropol di Mosca ha un nome: Gianluca Meranda, professione avvocato. Ha ammesso di essere stato all’hotel Metropol di Mosca il 18 ottobre 2018 in una lettera a Repubblica. Partecipazione non legata a motivi politici, sostiene: “Confesso apertamente di non votare da dieci anni. Non mi sono mai occupato di finanziamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fondi Lega dalla Russia, Conte: “Alla cena con Putin Savoini invitato dall’uomo di Salvini”

prev
Articolo Successivo

Gli incarichi del re delle tangenti di FI al leghista di Banca Intesa Russia

next