Il futuro politico di Matteo Salvini è stato scritto il 18 ottobre 2018, in un salone del leggendario hotel Metropol di Mosca, che fu quartiere generale dei bolscevichi. Quel giorno il salviniano Gianluca Savoini, in compagnia di altri due italiani e tre russi in contatto col governo moscovita, ha officiato una riunione segreta per una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Cattiveria 1107

prev
Articolo Successivo

“Un’altra trappola come in Austria: vogliono fregarci”

next