Erano un’altra Italia e un’altra Torino, soprattutto un altro mondo. Quelli di 120 anni fa, quando l’11 luglio 1899 un gruppo di aristocratici, professionisti, banchieri, possidenti e imprenditori firmarono, davanti al notaio Ernesto Torretta, nel palazzo del conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, (il vero regista dell’inizio di quella straordinaria avventura, come ha rievocato Massimo Novelli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Insulti social: Rackete vs Salvini. Che succede se lei querela tutti

prev
Articolo Successivo

La serata del Premio Strega, la metafora perfetta di Roma

next