Tutto nasce da un gesto intimo. Racconta Adriano Aragozzini: “Anni 60, Gino Paoli rilascia un’intervista: rarissimo. La giornalista domanda: ‘Cosa fa prima di un concerto?’. E lui: ‘Una sega’. Vengo a saperlo, e quando lo incontro gli pongo lo stesso quesito. Scoppia a ridere, diventiamo amici, e poco dopo mi chiede di seguirlo come manager. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Troviamo il midollo per Diana”. Anche atleti delle Universiadi tra centinaia di ragazzi in fila

prev
Articolo Successivo

“Ho tre inediti scritti con Pino: prima o poi inciderò un disco”

next