Il giudice di Napoli,Alberto Capuano, da ieri in carcere con accuse di corruzione per aver venduto la sua influenza “vera o presunta” su altri giudici in cambio di utilità – soldi, pastiere, bottiglie di vino, lavori di ristrutturazione del centro estetico della moglie, biglietti per discoteche e stabilimenti balneari – agiva consapevole di dover sfuggire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)