Le assegnazioni delle cattedre non seguivano un metodo meritocratico, valutando curriculum o pubblicazione, ma sarebbero state decise in modo illecito da rettori e docenti tramite pressioni, bandi pilotati, composizioni collegiali orientate, riunioni inesistenti, verbali falsificati e sbarramenti per partecipanti esterni. Nelle 1.700 pagine del gip di Catania Carlo Cannella, è ricostruito un sistema della spartizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il pm Longo e quel fascicolo da togliere al collega Ielo

prev
Articolo Successivo

Ricerca sul cancro, risultati ritoccati per ottenere milioni. Ma la Procura deve archiviare

next