Checché se ne pensi, è una delle più grandi riforme di struttura istituzionale della storia repubblicana e Matteo Salvini la vuole, o meglio, la deve alla vecchia Lega nordista, quella che gli porta i suoi molti voti in Veneto, Lombardia e nel resto della fu Padania. Dopo il trionfo alle Europee, il segretario leghista ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I navigator assisteranno solo gli impiegati ma non i poveri

prev
Articolo Successivo

Ilva, la minaccia di Mittal: “Senza scudo chiudiamo”

next