Il viatico, oltre ovviamente ai ricchi guadagni a scapito dei clienti raggirati, erano i regali. Omaggi e regalìe ai top manager delle banche per accedere alla loro clientela vendendo diamanti a prezzi gonfiati da parte delle due società, la Intermarket Diamond Business (Idb) e la Diamond Private Investment (Dpi), coinvolte con cinque banche Banco Bpm, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

I piccoli sbarchi riaprono i porti in silenzio

prev
Articolo Successivo

34 miliardi spariti: il Tfr “espropriato” dallo Stato

next