La sintesi brutale dell’equivoco è questa: la Commissione europea propone una procedura di infrazione per debito eccessivo verso l’Italia perché ha violato le regole Ue nel 2018, come tutti gli anni dal 2016 in poi. Ma a far muovere Bruxelles sono le scelte che il governo Conte ha messo a bilancio per il 2019 e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Il Pd fa lo gnorri su Lotti, ma Roberti picchia duro

next