Macerie, soldi e cantieri fermi. Tutti alle urne contro Pirozzi

Tre anni dopo - Ricostruzione al palo
Macerie, soldi e cantieri fermi. Tutti alle urne contro Pirozzi

“Vecchio scarpone quanto tempo è passato, quante illusioni fai rivivere tu…”. Ad Amatrice non fischiettano più la canzone che nel preistorico 1953 fece la fortuna di Gino Latilla. Perché qui lo scarpone è il simbolo di Sergio Pirozzi, il sindaco del terremoto, l’uomo-immagine della tragedia. La faccia, sempre accigliata, che in Italia e nel mondo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.