Nell’immaginario leghista, governare è uguale a comandare. Via ogni segno di dissenso (dagli striscioni alle insegnanti che fanno il loro lavoro), e via anche i poteri dello Stato che non si possono controllare e che si ostinano a decidere secondo legge e Costituzione e non secondo l’ideologia, nazista, della “sostituzione di popoli”. E mentre Salvini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lula: “Da questa cella combatto per il mio Brasile”

prev
Articolo Successivo

Piero Angela: “Il calo demografico ci condanna a una società fatta di soli vecchi”

next