Palma d’Oro, abbiamo il primo serio candidato, a tal punto da meritarsi uno spettatore d’eccezione: Quentin Tarantino. Il regista ha forse dimenticato per un attimo di concorrere egli stesso a Cannes 72 con Once Upon a Time in Hollywood, e da insaziabile voyeur qual è ha preso posto tra i comuni mortali al Grand Théâtre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Con Salvatores e gli altri quando si girava sembrava come una gita scolastica”

prev
Articolo Successivo

L’ultimo coup de théâtre di Patanè, morto mentre dirigeva il “Barbiere”

next